Mazda CX-5: arriva il mild hybrid

0
8

La suv di dimensioni medie Mazda CX-5 per l’edizione 2023 si rinnova introducendo diverse novità. La più importante è il sistema ibrido leggero M Hybrid 24V (e-Skyactiv G Mazda M Hybrid) associato ai propulsori a benzina 2.0 litri da 165 CV e 2.5 litri da 194 CV. Secondo quanto dichiarato della casa, questo sistema, che “aiuta” il motore termico all’avvio, nelle partenze da fermo o quando c’è una richiesta di maggiore potenza, contribuisce a ridurre i consumi di carburante tra il 5% e l’8% rispetto ai precedenti propulsori a benzina. La batteria agli ioni di litio da 24 V che alimenta il compatto motore elettrico mossa dalla cinghia dei servizi è montata tra le ruote, riducendo così il suo impatto sullo spazio interno.

Oltre ai nuovi motori ibridi benzina mild hybrid, la gamma della Mazda CX-5 si completa con il diesel 2.2 litri doppia turbina (Skyactive D) proposto con due livelli di potenza: 150 CV e 380 Nm di coppia, disponibile sia con trazione anteriore che integrale e cambio manuale o automatico a sei marce, e nella più potente da 184 CV e 450 Nm di coppia con trazione integrale e cambio automatico.

Migliora anche la dotazione di serie della Mazda CX-5, grazie al debutto di volante e sedili anteriori riscaldabili elettricamente, alla base di ricarica senza fili per il telefono, al display touch compatibile con Apple Carplay e Android Auto e alle prese anteriori con standard USB-C. La carrozzeria è disponibile in dieci colori, che includono anche la nuova tinta Rhodium White Premium, un bianco puro ispirato all’estetica giapponese.

Quattro gli allestimenti disponibili per la Mazda CX-5 2023: Centre Line, Exclusive Line, Homura e Takumi, oltre alle due edizioni speciali Advantage e Newground. 

L’allestimento Centre Line prevede, tra le altre cose: cerchi in lega di 19”, fari full led, sensori di parcheggio con videocamera, sistema multimediale con navigatore, connessione Apple CarPlay e Android Auto wireless e sistemi di sicurezza come il monitoraggio del posteriore e il controllo di carreggiata. L’Exclusive Line aggiunge il portellone elettrico, il sistema audio BOSE a 10 casse, fari a matrice di led e una completa dotazione di sistemi di assistenza alla guida. L’Homura si distingue per le finiture in nero lucido per la griglia anteriore, le sezioni inferiori dei paraurti e gli specchietti retrovisori esterni e i cerchi in lega da 18”. L’abitacolo prevede rivestimenti in pelle/tessuto scamosciato nero con cuciture rosse. L’allestimento Takumi presenta rivestimenti in pelle nappa e dettagli in legno, oltre alla regolazione elettrica dei sedili ventilati. Esternamente, sono presenti dettagli cromati.

La prima delle due edizioni speciali, la Advantage, si basa sulla Centre Line e aggiunge il portellone elettrico e diversi sistemi di assistenza alla guida. La Newground, invece, partendo dalla Advantage, ha un carattere più off-road grazie alla presenza di protezioni anteriori e posteriori di colore argento satinato e per gli interni in Green Lime.

La Mazda CX-5 2023 è già ordinabile con prezzi compresi tra i 36.700 euro della versione ibrida benzina 2.0 litri 165 CV in allestimento Centre Line con trazione anteriore e cambio manuale a 6 marce, fino ad arrivare ai 50.050 euro dell’allestimento Takumi con propulsore diesel 2.2 litri da 184 CV, trazione integrale e cambio automatico. Le prime unità saranno disponibili negli showroom a partire dal mese di febbraio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui