Opi Emilia Romagna: “Nessun paziente sarà ‘privato dell’assistenza medica’, evitare allarmi”

0
7

25 GEN – “La delibera della Ausl Romagna sull’attivazione di un ambulatorio infermieristico all’interno dei Pronto Soccorso dell’Ospedale Infermi di Rimini e Ceccarini di Riccione è totalmente in linea con quanto già avviene in tutti i Paesi dotati di un sistema sanitario avanzato, che contempli un modello di intervento tarato sull’intensità di cure e su setting assistenziali personalizzati. Restiamo meravigliati dall’allarme lanciato a mezzo stampa dai medici della Federazione Cimo Fesmed Emilia-Romagna, che rischia di ingenerare preoccupazione tra la cittadinanza”. A dirlo, in una nota congiunta, sono gli OPI Emilia Romagna.

“Nessun paziente sarà, in virtù della delibera, ‘privato dell’assistenza medica’ – chiariscono gli Ordini degli infermieri -: sarà anzi ottimizzata e migliorata la presa in carico di chi si reca al Pronto Soccorso, dove già tutta l’attività di triage è totalmente a gestione infermieristica. Al contempo si ritiene necessario investire sulla continuità assistenziale e sui servizi da rafforzare a livello territoriale, per diminuire gli accessi impropri al Pronto Soccorso e, di conseguenza, per offrire risposte adeguate in tempi rapidi a chiunque si rivolga al Sistema sanitario regionale, in situazioni di emergenza o meno”, concludono gli Opi dell’Emilia Romagna.

25 gennaio 2023
© Riproduzione riservata

Quotidianosanità.it
Quotidiano online
d’informazione sanitaria.

QS Edizioni srl
P.I. 12298601001

Via Giacomo Peroni, 400
00131 – Roma

Via Vittore Carpaccio, 18
00147 Roma (RM)

Direttore responsabile
Cesare Fassari

Direttore editoriale
Francesco Maria Avitto

Presidente
Ernesto Rodriquez


Copyright 2013 © QS Edizioni srl. Tutti i diritti sono riservati
– P.I. 12298601001
– iscrizione al ROC n. 23387
– iscrizione Tribunale di Roma n. 115/3013 del 22/05/2013

Riproduzione riservata.
Policy privacy

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui