Tavolo sanità del Terzo Polo: «Mancano i medici e pochi infermieri. La medicina di base abbandonata»

0
10

Pavia. Pochi medici e pochi infermieri. Mal pagati e oberati, sul territorio come dentro gli ospedali. Questo lo scenario della sanità lombarda a poche settimane dalle elezioni che decideranno il prossimo presidente regionale. Argomenti al centro del dibattito di lunedì sera organizzato dal Terzo polo, che sostiene la candidatura di Letizia Moratti: ex assessora al Welfare prima di Guido Bertolaso. Presenti alcuni esponenti della sanità pavese, e le criticità del territorio sono finiti al centro del dibattito. «La medicina di base è il grande dimenticato dalla politica lombarda degli ultimi vent’anni», ha detto Giorgio Monti, medico di base e referente del sindacato di categoria Fimmg, uno degli ospiti della tavola rotonda. «Delle decine di medici di base formati in provincia, pochi quelli che vi restano a lavorare. Serve una riforma dei percorsi formativi da attuare subito». Presente anche Giovanni Belloni (vice presidente dell’ordine dei medici di Pavia) che pone l’accento sulle criticità della provincia: «Viviamo nel territorio più anziano della Regione – ha detto – e all’aumentare dell’età aumentano anche le patologie: il problema è sia sociale che sanitario, perché curare pazienti più vecchi significa fare investimenti negli ospedali e potenziare le strutture territoriali. In Regione manca un regista capace di coordinare queste azioni, per mettere in comunicazione ospedali e territorio». Il dibattito è stato animato anche da Luca Foresti (gruppo Sant’Agostino) e da Susanna Verlini, della federazione dei fisioterapisti. Gli ospiti della serata sono stati i candidati pavesi del Terzo polo: presenti Angela Gregorini, Giuliana La Cognata e Pier Achille Lanfranchi, i componenti del listino che sostengono l’ex assessora. «In Regione dobbiamo lavorare per aumentare le retribuzioni dei medici – ha detto Gregorini, parlando della ricetta del Terzo polo per risolvere le criticità della sanità – dobbiamo incentivare gli ambiti considerati poco appetibili come la medicina di base, sgravando il carico burocratico che pesa sulle spalle dei dottori in ambulatorio. Un fattore su cui Regione può intervenire, tamponando le carenze di una mancata programmazione anche a livello nazionale: i posti delle specialità sono stati aumentati solo di recente. Inoltre, dobbiamo rilanciare altri professionisti sanitari come gli infermieri».

La sanità scalda il primo confronto in tv

È un rimpallo di accuse, tra meriti e demeriti, quello che si consuma nel primo faccia a faccia tra i candidati alla presidenza della Lombardia, ospitato dal Tgr Rai. In particolare sulla sanità. La civica Letizia Moratti, sostenuta dal Terzo Polo, rivendica il proprio operato: «Ho portato la Lombardia a essere prima per il piano vaccinale», ma il presidente della Regione ricandidato con il centrodestra, Attilio Fontana, ignora il passato in giunta dell’ex vicepresidente e incensa il suo assessore Guido Bertolaso «per la grande campagna vaccinale». Il candidato di Pd e 5 Stelle Pierfrancesco Majorino spara a zero su tutto il sistema: «È inaccettabile che si dice oggi ai lombardi “Vuoi farti curare secondo modalità dignitose e tempi certi? Allora paga. La Regione si è mostrata inadeguata». Interviene nel fuoco incrociato la candidata di Unione Popolare, Mara Ghidorzi, che vede la Lombardia come un «deserto sociale per l’ assistenza territoriale e chiede una sanità che torni ad essere pubblica».

Il presidio della Cgil

Per accendere il tema della sanità lombarda in difficoltà, la Cgil ha indetto tre presidi sotto le principali strutture di assistenza medica in provincia. L’appuntamento è stamane dalle 10 per tutti e tre gli eventi: a Pavia la protesta sarà all’ombra della casa di comunità di piazzale Golgi, da poco inaugurata. Sarà presente anche il candidato del partito democratico Pierfrancesco Majorino. A Vigevano l’appuntamento è all’ospedaledi Asst (corso Milano), mentre a Voghera il concentramento è in via Volturno, dove c’è l’ospedale cittadino pubblico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui