Serie A, Lazio-Milan – Pioli: “Parlerò di meno e lavorerò di più”. Maldini: “La squadra ha perso sicurezze e spirito”

0
6
Il Milan crolla all’Olimpico sotto i colpi della Lazio e subisce la seconda batosta nel corso di pochi giorni, dopo quella in Supercoppa contro l’Inter. Oltre al tecnico Pioli, nel post partita di Roma ha parlato ai microfoni di DAZN anche il direttore tecnico Paolo Maldini.

Pioli: “Parlare meno e lavorare di più”

Dobbiamo tornare velocemente a Milanello a lavorare bene, perché è chiaro che non stiamo facendo prestazioni all’altezza delle nostre possibilità. Sono tante le cose che non funzionano: l’aspetto mentale, tattico. Abbiamo subito gol su situazioni evitabili. Sono qui a parlare perché devo, altrimenti starei zitto perché c’è da lavorare“.

Serie A

Sarri: “Forse la migliore partita da quando sono alla Lazio”

9 ORE FA

Non è semplice, adesso le cose non ci vengono bene. Oggi nella manovra, pur non avendo grandi occasioni, abbiamo creato situazioni per essere pericolosi anche se non ci siamo riusciti. Il problema non è con la palla, ma senza: stiamo diventando una squadra con poche coperture, poca lucidità e quindi dobbiamo fare un lavoro più preciso, con una comunicazione più chiara tra i giocatori in campo. C’è un solo modo per migliorare la situazione: lavorare“.

Abbiamo sbagliato letture e questo succede da un po’ di partite. La squadra dev’essere più compatta e collaborativa. Sono situazioni da gestire meglio e sulle quali dobbiamo lavorare bene. Fare questi errori significa creare più difficoltà nella partita, poi diventa un discorso tattico e mentale. I risultati positivi portano entusiasmo, quelli negativi portano negatività che diventa più difficile risolvere“.

Noi dobbiamo riprendere a giocare come sappiamo, questo dev’essere il nostro obiettivo. Dobbiamo farlo il prima possibile. Le nostre prestazioni non sono state quelle che possiamo fare. Riprendiamo il nostro cammino, cerchiamo di lavorare molto meglio. Cercherò di parlare meno e lavorare di più“.

Maldini: “Sono felice. Ora programmiamo un futuro sempre vincente”

Maldini: “Dobbiamo ritrovare lo spirito di squadra”

“L’anno scorso abbiamo dato il segnale scudetto ben prima di Lazio-Milan. Questo è un momento diverso perché siamo stati eliminati in Coppa Italia e perso la Supercoppa con l’Inter. Abbiamo perso due obiettivi e incassato 11 gol in 3 partite, è un momento difficile. Può sembrare una banalità: l’anno scorso abbiamo vinto grazie allo spirito e dobbiamo ritrovarlo con calma. Con tutto il rispetto per il momento delicato, siamo secondi in solitaria in classifica, dopo 7 anni abbiamo raggiunto la Champions e vinto lo scudetto. Questa squadra è dentro i suoi parametri“.

“Capita ed è succeso anche al mio Milan di perdere le sicurezze, le distanze e la fiducia. Può succedere, l’importante è ritornare, sappiamo come farlo. Non siamo il Milan degli anni Novanta che prendeva i campioni già fatti, abbiamo la necessità di prendere una strada e fare una scelta per risanare la società, e da questa non ci sposteremo”.

Origi ha quattro anni di contratto, De Ketelaere ne ha cinque: non possiamo valutarli per pochi mesi. Origi è arrivato infortunato, solo ora è entrato a regime. Entrare in una squadra più rodata è più facile che farlo in una in difficoltà, questo è successo a Charles. Per lui è questione di tempo. Per Zaniolo ha già detto tutto Massara: valutiamo le opportunità, inutile nascondere la realtà. Non ci discosteremo dalla nostra visione e dalla realtà”

Pioli: “Il rinnovo? Ho apprezzato tanto, mi sento stimato”

Serie A

Le pagelle di Lazio-Milan 4-0: Zaccagni vola, incubo Calabria

10 ORE FA

Serie A

Il Milan non c’è più, Lazio straripante all’Olimpico: 4-0

12 ORE FA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui